Vai all'inizio
Vai ai contenuti di sinistra
Vai ai contenuti del centro
Vai ai contenuti di destra
Vai al piè di pagina
Stemma Comune di Bagno di Romagna
Comune di Bagno di Romagna

Ricerca nel sito

Accessibilità

Commercio su Aree Private


COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

Il commercio al dettaglio in sede fissa si suddivide in due grandi settori merceologici: alimentare e non alimentare. Per l’esercizio del primo occorre solamente essere in possesso dei requisiti cosiddetti “morali” e cioè:

a) non essere stati dichiarati falliti;
b) non aver riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale e' prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata, in concreto, una pena superiore al minimo edittale;
c) non aver riportato una condanna a pena detentiva, accertata con sentenza passata in giudicato, per uno dei delitti di cui al titolo II e VIII del libro II del codice penale, ovvero di ricettazione, riciclaggio, emissione di assegni a vuoto, insolvenza fraudolenta, bancarotta fraudolenta, usura, sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina;
d) non aver riportato due o più' condanne a pena detentiva o a pena pecuniaria, nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività, accertate con sentenza passata in giudicato, per uno dei delitti previsti dagli articoli 442, 444, 513, 513-bis, 515, 516 e 517 del codice penale, o per delitti di frode nella preparazione o nel commercio degli alimenti, previsti da leggi speciali;
e) non essere stati sottoposti ad una delle misure di prevenzione di cui alla legge 27 dicembre 1956, n. 1423, o nei cui confronti sia stata applicata una delle misure previste dalla legge 31 maggio 1965, n. 575, ovvero non essere stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza.

Per l’esercizio del commercio del settore alimentare occorre invece essere in possesso, oltreché dei requisiti morali di cui sopra, anche dei requisiti professionali, e cioè, in alternativa:
a) avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio relativo al settore merceologico alimentare, istituito o riconosciuto dalla regione;
b) avere esercitato in proprio, per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, l'attività di vendita all'ingrosso o al dettaglio di prodotti alimentari; o avere prestato la propria opera, per almeno due anni nell'ultimo quinquennio, presso imprese esercenti l'attività nel settore alimentare, in qualità di dipendente qualificato addetto alla vendita o all'amministrazione o, se trattasi di coniuge o parente o affine, entro il terzo grado dell'imprenditore, in qualità di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'INPS;
c) essere stato iscritto nell'ultimo quinquennio al registro esercenti il commercio di cui alla legge 11 giugno 1971, n. 426, per uno dei gruppi merceologici individuati dalle lettere a), b) e c) dell'articolo 12, comma 2, del decreto ministeriale 4 agosto 1988, n. 375.

Con riferimento alla superficie dell’esercizio commerciale, cioè del negozio stesso, si ha un’altra fondamentale distinzione tra le seguenti strutture:
a) esercizi al dettaglio di vicinato: quelli aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq.;
b) medie strutture di vendita: gli esercizi aventi superficie superiore ai 150 mq. e inferiore a 1.500 mq.;
c) grandi strutture di vendita: gli esercizi aventi superficie superiore ai 1500 mq;
d) centro commerciale: una media o una grande struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente.

Comunicazione di apertura subingresso trasferimento variazione e cessazione di esercizio al dettaglio di vicinato: Modello COM1




Data ultima modifica: 07/09/2006

Richiesta InfoLogo raffigurante la 'i' di Richiesta Informazioni

EasyPortal 7.0 2005 Provincia di Forlì-Cesena - Servizio Sistema Informativo - Informativa Privacy