Vai all'inizio
Vai ai contenuti di sinistra
Vai ai contenuti del centro
Vai ai contenuti di destra
Vai al piè di pagina
Stemma Comune di Bagno di Romagna
Comune di Bagno di Romagna

Ricerca nel sito

Accessibilità

TARI - IMU - TASI - dallo 01/01/2018 al 2020

A decorrere dall’anno 2020, la IUC-IMU e IUC-TASI di cui all’art. 1, comma 639 della L. 147/2013 sono abrogate ed è stata istituita l’Imposta Municipale Propria (IMU) disciplinata dall’art. 1, commi 739 – 783 della Legge 27 dicembre 2019, n. 160.


Novità

Nel Consiglio Comunale del 28/05/2020 è stato deliberato di lasciare fissata al 16/06/2020 la scadenza per l’acconto IMU 2020, ma al contempo è anche stata prevista la non applicazione di sanzioni e interessi per i tardivi versamenti fino al 30/09/2020. Resta inteso ovviamente che tale possibilità è riferita unicamente alla quota comunale, per la quota statale la scadenza resta fissata al 16/06/2020 senza deroghe alcune.



A DECORRERE DAL 2020 GLI IMMOBILI CHE FINO AL 2019 ERANO ASSOGGETTATI A TASI SARANNO ASSOGGETTATI AD IMU
Rientrano in tale casistica:
A – fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati (così detti “immobili merce”);
B – fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’art. 9, comma 3-bis, del D.L. 557/1994.
Aliquote




EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19. TERZO PROVVEDIMENTO DEL 27/3/2020 LA GIUNTA COMUNALE DISPONE

1. per tutte le utenze TARI NON DOMESTICHE di differire il termine per le prime due rate al 30 Novembre, lasciando alla libera scelta dell’imprenditore decidere se pagare regolarmente nelle 3 scadenze indicate in bolletta, oppure unicamente e interamente all’ultima scadenza 30 Novembre 2020;
2. per le categorie DOMESTICHE TARI di differire al 31 luglio 2020 e 30 Settembre 2020, il termine di pagamento delle prime due rate della TARI ordinaria 2020, fissate dall’art. 14 del Regolamento Comunale approvato con Delibera di C.C. n. 9 del 16/03/2018 rispettivamente al 31 Maggio e 31 Luglio;
3. di differire al 30 Giugno 2020 il pagamento del conguaglio TARI relativo all’anno solare 2019 in scadenza il 31 Marzo 2020;
4. di differire al 15/07/2020 la scadenza per il riversamento dell’IMPOSTA DI SOGGIORNO del primo trimestre 2020, fissata dal comma 4 dell’art.6 del Regolamento per l’applicazione dell’Imposta di Soggiorno approvato con delibera di C.C. n.60 del 30/09/2014 e ssmii, al 15/04/2020;
5. di sospendere le rate relative alle rateazioni di tutti gli accertamenti relativi ai tributi comunali (IMU – TASI – TARI) nonché di quelle relative alle ingiunzioni di pagamento scadenti nel periodo che va dall’8 marzo al 31 maggio 2020, disponendo che il numero delle rate previsto nel provvedimento di concessione della rateazione è automaticamente aumentato di un numero di rate pari a quelle oggetto di sospensione, anche in deroga alla durata massima del periodo di rateizzazioni previsto nei regolamenti comunali e senza necessità di prestare idonea garanzia fideiussoria;
6. di prevedere comunque che il contribuente possa versare volontariamente alle scadenze previste, anche se differite o sospese e che non si procede a rimborso di quanto già versato;




Nuovo Portale per il cittadino

Linkmate - Portale

Accedi a Linkmate
Il servizio permette di consultare e stampare la propria situazione tributaria TARI, le bollette (sia l'attuale che le annualità pregresse) e la propria visura catastale, verificare i versamenti eseguiti, segnalare eventuali errori riscontrati in banca dati, calcolare il dovuto IMU e TASI o l'eventuale ravvedimento operoso, scaricare la modulistica.

Per accedere al portale è possibile:
- fino al 31/12/2019, registrarsi compilando l'apposita scheda di registrazione e allegando copia scansionata (o una fotografia) di un documento d'identità in corso di validità;
- tramite credenziali SPID (dall'1/1/2020 solo Spid)




REGOLAMENTO TARI

Regolamento TARI CC 27/2020 in vigore dall'1/1/2020

Regolamento TARI CC n.9 del 16/3/2018 in vigore dall'01/01/2018 al 31/12/2019

Tariffe utenze domestiche CC n.5 del 01/03/2019 allegato "C"

Tariffe utenze extradomestiche CC n.5 del 01/03/2019 allegato "D"


Le scadenze del versamento delle rate per le utenze domestiche eccezionalmente per il 2020 sono:
31 luglio
30 settembre
30 novembre
se si sceglie di pagare in unica soluzione entro il 31 luglio

Per tutte le utenze TARI NON DOMESTICHE la Giunta Comunale con il TERZO PROVVEDIMENTO emergenza COVID-19 del 27/3/2020 a dispoto il differimento del termine per il versamento delle prime due rate al 30 Novembre, lasciando alla libera scelta dell’imprenditore decidere se pagare regolarmente nelle 3 scadenze indicate in bolletta, oppure unicamente e interamente all’ultima scadenza 30 Novembre 2020




REGOLAMENTO IMU

Regolamento IMU CC. 28/2020 in vigore dall'1/1/2020

Regolamento IMU CC n.10/2018 in vigore dall'01/01/2018 al 31/12/2019


ATTENZIONE!!!
A decorrere dall'anno 2020, la Iuc-IMU e Iuc-TASI di cui all'art. 1 comma 639 della L. 147/2013 sono abrogate ed al loro posto è stata istituita l'Imposta Municipale Propria (IMU) disciplinata dall'art.1 commi da 739 a 783 della L 27/12/2019 n. 160

Per il solo anno di imposta 2020 la prima rata da corrispondere entro il 30 settembre 2020 è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l’anno 2019
Il versamento della rata a saldo (16 dicembre 2020) dell’imposta dovuta per l’intero anno è eseguito a conguaglio sulla base delle aliquote deliberate dal Comune per l’anno in corso e pubblicate nel sito Internet del Dipartimento delle Finanze alla data del 28 ottobre 2020.

SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE IMU approvate con deliberazione CC n.52/2014 approvate nell'anno 2014 - ANCHE PER IL 2019

Estratto deliberazione CC n.52/2014

Specchietto aliquote acconto 2020

Ricorda che:

*A decorrere dal 2020 l’unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, non è più equiparata per legge all’abitazione principale. Dovrà quindi essere corrisposta l’IMU applicando l’aliquota corrispondente alla casistica delle unità immobiliari tenute a disposizione.
*Nel comune di Bagno di Romagna sono esenti i terreni agricoli in quanto ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell’articolo 15 della legge 27 dicembre 1977, n. 984 sulla base dei criteri individuati dalla Circolare del Ministero delle finanze n. 9 del 14/06/1993.

La base imponibile IMU è ridotta del 50% per:
***fabbricati di interesse storico o artistico di cui all’articolo 10 del codice di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42;
***fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, limitatamente al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni. L’inagibilità o inabitabilità è accertata dall’ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa, il contribuente ha facoltà di presentare una dichiarazione sostitutiva ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 che attesti la dichiarazione di inagibilità o inabitabilità del fabbricato da parte di un tecnico abilitato rispetto a quanto previsto nel periodo precedente.
Si precisa che l’inagibilità o inabitabilità deve consistere in un degrado fisico sopravvenuto (fabbricato diroccato, pericolante, fatiscente, ecc…) non superabile con interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria.
Non sono in ogni caso da considerare inagibili gli immobili oggetto di interventi edilizi.
Per ulteriori informazioni in merito si rinvia anche a quanto previsto dall’art. 8 del vigente Regolamento comunale IMU.
***Dal 2016 gli immobili concessi a titolo di comodato gratuito ad un parente di primo grado in linea retta non possono più essere assimilati all’abitazione principale. Queste unità immobiliari sono ora soggette ad aliquota ordinaria, salvo che non vengano rispettate le condizioni previste per il nuovo comodato, che però non prevede l’assimilazione ma solamente una riduzione al 50% della base imponibile.

Tra le varie novità in materia di IMU e TASI, introdotte con la Legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015), vi rientra quella contenuta nei commi 53 e 54 della citata norma. In particolare, il legislatore, a decorrere dal 2016 riconosce uno sconto del 25% per l’IMU e per la TASI dovuta sugli immobili che risultano locati a canone concordato.
In caso di immobili locati a canone concordato, poiché i comuni non hanno possibilità di verificare se il contratto di locazione è a canone libero o a canone concordato, sussiste obbligo dichiarativo.




AREE EDIFICABILI

Deliberazione della Giunta Comunale nr. 146 del 16/11/2018 avente ad oggetto:
Revisione dei valori delle aree edificabili ai fini IMU ubicate nel territorio comunale di Bagno di Romagna


Allegato A1 - Tabella valori tessuti
Allegato A2 - Tabella valori ambiti
Relazione
Legenda
Elaborato grafico 01
Elaborato grafico 02
Elaborato grafico 03
Elaborato grafico 04
Elaborato grafico 05
Elaborato grafico 06
Elaborato grafico 07
Elaborato grafico 08
Elaborato grafico 09
Elaborato grafico 10




REGOLAMENTO TASI in vigore dll'01/01/2018 al 31/12/2019

Regolamento Tasi CC n.11 del 16/03/2018

SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE TASI approvate nell'anno 2014 con deliberazione CC n.51-2014 - ANCHE PER IL 2019

Estartto deliberazione CC n.51/2014

Fabbricati Cat. D (con l'esclusione dei D10 ) e per le Cat. C1 – C3 TASI 2,5 per mille

Fabbricati D 10 (rurali strumentali) solo TASI 1 per mille

Abitazioni invendute imprese immobiliari cd magazzino) solo TASI 2,5 per mille

A far data dall'anno d'imposta 2016 le abitazioni principali sono escluse dalla TASI.




MODULISTICA

IMU

Dich. Sost. Atto Notorio Per Inagibili




MODULISTICA

TARI
Dichiarazione TARI domestica

Dichiarazione Tari extradomenstica

Autocertificazione stato di famiglia

Informazioni addebito permanente in c/c

Richiesta addebito permanente in c/c

Tributo comunale sui rifiuti urbani uso extradomestico – richiesta di riduzione della quota variabile della tariffa per avvio a recupero a propria cura di rifiuti differenziati recuperabili. pdf

Modulo Avvio al recupero
in formato doc




Data ultima modifica: 03/09/2020

Richiesta InfoLogo raffigurante la 'i' di Richiesta Informazioni