Vai all'inizio
Vai ai contenuti di sinistra
Vai ai contenuti del centro
Vai ai contenuti di destra
Vai al piè di pagina
Stemma Comune di Bagno di Romagna
Comune di Bagno di Romagna

Ricerca nel sito

Accessibilità

TARI - IMU - TASI - dallo 01/01/2018


PORTALE DEL CITTADINO

Accesso al Portale del Cittadino

CatastoEnti® - COD.Com
Centro Organizzazione Dati Comunali
Contiene informazioni complete sugli immobili e le persone del territorio comunale.


Il servizio permette al cittadino di ricevere comunicazioni, autogestire la scheda immobili e tributi, inserire occupanti, prelevare informazioni, segnalare errori, autoprodurre il precompilato per il pagamento, generare dichiarazioni e variazioni tributarie, verificare il buon esito dei versamenti, ecc.
Per accedere al portale è necessario registrarsi compilando l'apposita scheda di registrazione.




REGOLAMENTO TARI in vigore dall'01/01/2018

Regolamento TARI CC n.9 del 16/3/2018

Tariffe utenze domestiche CC n.14 del 16/3/2018 allegato "B"

Tariffe utenze extradomestiche CC n.14 del 16/03/2018 allegato "C"


Le scadenze per il versamento delle rate sono:
31 maggio
31 luglio
30 novembre
se si sceglie di pagare in unica soluzione entro il 31 maggio




REGOLAMENTO IMU in vigore dall'01/01/2018

Regolamento IMU CC n.10 del 16/03/2018

SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE IMU approvate con deliberazione CC n.52/2014 approvate nell'anno 2014 - ANCHE PER IL 2018

Estratto deliberazione CC n.52/2014

Aliq. ORDINARIA 10,60 per mille da applicare a tutto ciò che non rientra nelle casistiche sotto riportate: es. altri immobili, seconde casa e loro pertinenze, residenti all'estero, aree edificabili ecc. escluse le cat D – C1- C3

Aliq. AGEVOLATA Fabbricati 8,1 per mille Cat. D (con l'esclusione dei D10 ) e per le Cat. C1 – C3 precisando che per le sole cat.D (esclusi i D10) il 7.6 per mille va versato allo Stato ... mentre al comune va lo 0,5 per mille
(più TASI 2,5 per mille)

Abitazione Principale 6 per mille limitatamente alle Cat. A1 A8 A9 con detrazione € 200,00

Comodato d’uso gratuito a parenti di primo grado
Dal 2016 gli immobili concessi a titolo di comodato gratuito ad un parente di primo grado in linea retta non possono più essere assimilati all’abitazione principale. Queste unità immobiliari sono ora soggette ad aliquota ordinaria, salvo che non vengano rispettate le condizioni previste per il nuovo comodato, che però non prevede l’assimilazione ma solamente una riduzione al 50% della base imponibile.

Tra le varie novità in materia di IMU e TASI, introdotte con la Legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015), vi rientra quella contenuta nei commi 53 e 54 della citata norma. In particolare, il legislatore, a decorrere dal 2016 riconosce uno sconto del 25% per l’IMU e per la TASI dovuta sugli immobili che risultano locati a canone concordato.
In caso di immobili locati a canone concordato, poiché i comuni non hanno possibilità di verificare se il contratto di locazione è a canone libero o a canone concordato, sussiste obbligo dichiarativo.




REGOLAMENTO TASI in vigore dll'01/01/20158

Regolamento Tasi CC n.11 del 16/03/2018

SONO CONFERMATE LE ALIQUOTE TASI approvate nell'anno 2014 con deliberazione CC n.51-2014 - ANCHE PER IL 2018

Estartto deliberazione CC n.51/2014

Fabbricati Cat. D (con l'esclusione dei D10 ) e per le Cat. C1 – C3 TASI 2,5 per mille

Fabbricati D 10 (rurali strumentali) solo TASI 1 per mille

Abitazioni invendute imprese immobiliari cd magazzino) solo TASI 2,5 per mille

A far data dall'anno d'imposta 2016 le abitazioni principali sono escluse dalla TASI.




MODULISTICA

TARI

Intesazione
Tari Domestica
Tari non domestica




MODULISTICA

IMU


Dichiarazione sostitutiva atto notorio immobili INAGIBILI




Data ultima modifica: 07/05/2018

Richiesta InfoLogo raffigurante la 'i' di Richiesta Informazioni

EasyPortal 7.0 2005 Provincia di Forlì-Cesena - Servizio Sistema Informativo - Informativa Privacy